L'esercito delle 12 scimmie (regia: Terry Gilliam)

Andare in basso

L'esercito delle 12 scimmie (regia: Terry Gilliam)

Messaggio  Fax AdM il Mer Nov 19, 2008 12:36 pm

L'esercito delle 12 scimmie
Regia: Terry Gilliam

Mi ha spiazzato... non pensavo assolutamente ad una simile trama. Erroneamente immaginavo un film ambientato su un pianeta governato da scimmie (quello è "Il pianeta delle scimmie", ignorante!!!). Ma non centra assolutamente nulla.
Una storia originale ed intrigante, coinvolgente fino alla fine.
L'interpretazione dei due attori protagonisti (Bruce Willis e Brad Pitt) è superlativa, in particolar modo quella di Brad Pitt nei panni di un pazzo schizofrenico (che crisi! che facce! gira voce che il regista, durante lo sviluppo del film impediva a Brad Pitt di fumare, in modo che interpretasse meglio il ruolo dello "schizofrenico").
Voto: 7,5/10




Titolo originale: Twelve Monkeys
Nazione: U.S.A.
Anno: 1985
Genere: fantascienza, thriller
Durata: 125'
Regia: Terry Gilliam
Soggetto: Chris Marker
Sceneggiatura: David Webb Peoples, Janet Peoples
Cast: Bruce Willis, Brad Pitt, Madeleine Stowe

Recensione

Siamo nel 2035 e il genere umano sopravvive in un mondo di desolazione totale a causa di un'epidemia che ha distrutto il novantanove per cento del genere umano. La terra non è più abitabile e i sopravvissuti vivono nel sottosuolo alla ricerca di un vaccino che possa sconfiggere il virus e permettere all'uomo di ritornare in superfice. Nella disperata speranza che le risorse del passato possano servire a recuperare e ricostruire il futuro, un gruppo di scienziati offre al detenuto James Cole (Bruce Willis) l'opportunità di essere graziato, a condizione che ritorni indietro nel tempo, nel 1996, pochi mesi prima dell'esplosione dell'epidemia, e trovi un modo per aiutare il genere umano prima che l'incubo apocalittico cancelli completamente l'umanità.
Cole accetta e viene catapultato nel passato. Tuttavia i suoi sforzi alla ricerca della verità lo fanno apparire pazzo ai più e il Nostro viene internato in un manicomio sotto le cure di Kathryn Railly (Madeleine Stowe), psichiatra e scrittrice. A contatto con l'affascinante dottoressa, Cole inizia ad avere dei dubbi sulla sua missione. E se tutto ciò non fosse altro che un parto malato della sua fantasia? Forse è veramente pazzo, oppure Jeffrey Goines (Brad Pitt), figlio psicolabile di un famoso immunologo è veramente il capo de "L'esercito delle 12 scimmie", una setta misteriosa che si propone di liberare il mondo dall'oppressione inquinatrice del genere umano?
Di più non racconteremo di questa fiaba nera, poiché l'intreccio è talmente complesso che non vogliamo svelare i molteplici risvolti che il copione di David e Janet Peoples, ispirato al corto "La rampa" del francese Chris Marker, regala allo spettatore. La cosa che più colpisce de "L'esercito delle 12 scimmie" è certamente la messa in scena di Gilliam, già autore nel 1985 dell'osannato "Brazil", film al quale questo "Esercito" deve davvero molto nella sua impostazione figurativa. Con un cast notevole e un budget da kolossal, Gilliam sovverte i meccanismi narrativi tradizionali e costruisce uno spettacolo barocco, inquietante ed amaro, apologo terrificante di un'umanità che forse non merita neppure di essere salvata.
Tra i tanti pregi di questo film, la fotografia cupa di Roger Pratt, l'atmosfera onirica della messa in scena, l'interpretazione convincente degli attori, spicca il coraggio di Gilliam di uscire fuori dagli schemi, di sovvertire le regole, di prendere delle decisioni che possano sconcertare lo spettatore. Ricco di citazioni cinefile (e a molti non sfuggirà l'esplicito riferimento alla reincarnazione tratto da "La donna che visse due volte" di Alfred Hitchcock) "L'esercito delle dodici scimmie" è un film a scatole cinesi che si presta a diverse intepretazioni e che non propone certezze ma solo dubbi.
Una cosa è certa: chiunque vedrà questo film difficilmente potrà dimenticare uno dei finali più angoscianti e commoventi che il cinema americano ci ha offerto in questi anni.


Altri film noti del regista

  • Brazil (1985)
  • La leggenda del re pescatore (1991)
  • Paura e delirio a Las Vegas (1998)


(fonte www.tempimoderni.com)

_________________
"It's awfully considerate of you to think of me here and I'm most obliged to you for making it clear that I'm not here."

(Jugband Blues)

» Fax AdM MySpace
» Fax AdM MyRadio
» Fax AdM YouTube Channel
avatar
Fax AdM
Admin

Numero di messaggi : 492
Età : 38
Umore : Sinusoidalmente Illuminato
Data d'iscrizione : 02.10.08

Visualizza il profilo http://www.myspace.com/faxadm

Torna in alto Andare in basso

Torna in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum